Il MUG Roma Tre alla Maker Faire Rome 2014

A cavallo tra settembre ed ottobre Roma si è nuovamente trasformata nella capitale europea dell’innovazione e dell’artigianato digitale grazie alla Innovation Week, un evento che ha racchiuso conferenze di caratura mondiale come l’Open Hardware Forum e la Maker Faire.

Maker Faire: II European Edition - The Innovation Week
Maker Faire: II European Edition – The Innovation Week

Quest’anno location differente, spostando tutto al nuovo Auditorium Parco della Musica, aumentando così l’area espositiva e gli eventi collegati in maniera esponenziale. Cresciute di conseguenza anche le visite, che sono triplicate arrivando a quota 90.000, un risultato davvero impressionante per una città che non sente parlare granché del movimento maker (anche se dopo un anno le cose sono parecchio cambiate, con molte piccole realtà disseminate in tutta Roma).
E grazie ad una di queste nuove realtà che ho potuto vivere quest’evento “dall’altra parte della barricata”, quindi non come semplice visitatore, ma dietro uno stand! Quello del MUG Roma Tre.

Cosa è il MUG Roma Tre?
È un’associazione studentesca (di cui faccio parte) nata all’interno del Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Roma Tre ad inizio 2014 con lo scopo di divertirsi in progetti inerenti i microcontrollori, come ad esempio le varie schede Arduino o la Intel Galileo, dando anche supporto agli studenti che si vogliono avvicinare a questo mondo o hanno bisogno di aiuto per progetti personali o tesine.
In pochi mesi siamo cresciuti parecchio: dal far accendere qualche LED siamo passati alla progettazione e gestione di piccoli sistemi automatici, controllati a distanza via internet, con componenti stampati tramite una piccola stampante 3D che abbiamo assemblato.

Tornando all’esperienza fatta alla Maker Faire Rome 2014 col MUG Roma Tre, ecco una rapida descrizione dei progetti presentati:

RoboVins è un piccolo braccio robotico che, appena trovata una persona, la saluta con un bel cinque con la mano (e scatta una foto per ricordo, eccovi la galleria)! I pezzi del braccio sono stati tutti stampati in 3D, il tutto poi gestito prima con una Intel Galileo, successivamente con una scheda Arduino.

– non un vero progetto, ma uno strumento che ci ha dato una grossa mano è stata appunto la stampante 3D presa durante questa estate. È una Prusa i3 Rework, con cui ci siamo divertiti a stampare sia in ABS che in PET, con buoni risultati come potete notare qui sotto.

SmartLocker è un progetto riguardante degli armadietti controllabili tramite uno smartphone sfruttando dei QR code: il progetto nasce da una necessità interna al Dipartimento di Ingegneria di Roma Tre, dove gli armadietti degli studenti sono mal gestiti e causano parecchi problemi (prenotazione macchinosa attraverso una tastierina scomoda e in mezzo ad un corridoio, con la gente che può spiare il codice di prenotazione). Con questa implemetazione abbiamo voluto dimostrare come con una semplice Arduino Yun siamo riusciti a creare una struttura facilmente controllabile con pochi click tramite rete WiFi, risolvendo molti dei problemi della versione reale. (speriamo di convincere l’università ad implementarlo!)

ReGreender invece è il progetto più ambizioso, che ci ha permesso anche di guadagnarci due premi Maker of Merit nel corso dell’evento. L’idea alla base è semplice, ma geniale: riuscendo a creare un ciclo virtuoso ed ecologico, partendo da delle semplici bottigliette di plastica si può ottenere un filo da utilizzare per la stampante 3D e, sfruttando le proprietà del PET (totalmente riutilizzabile), è possibile continuare il ciclo. Questo è solo alla base di un progetto sia di ricerca sia di servizi agli studenti che ci permetterà di creare una realtà unica in Italia. In futuro spero di darvi delle novità sempre su questo blog… nel frattempo, abbiamo convinto la giuria della Maker Faire, che ci ha premiato con ben due premi Maker of Merit!

Torniamo a parlare dell’evento. Le differenze sono state molteplici rispetto l’anno scorso, non solo dal punto di vista logistico: oltre alla presentazione della nuova stampante 3D targata Arduino, la Materia 101, vi sono state conferenze, ospiti internazionali e “spaziali”, con la nostra Samantha Cristoforetti; da menzionare anche la Make in Italy, una mostra veramente interessante sul valore dell’Italia e di come, per quanto il concetto di maker sembri una novità, lo spirito innovativo e creativo in ambito tecnologico atto ad adattare la tecnologia alla vita reale sia una caratteristica che ci contraddistingue da anni.

Uniche note negative, che forse mi sono apparse più grandi del previsto avendo vissuto l’evento da “espositore”, riguardano la grandezza degli stand (un po’ piccoli per i nostri progetti) e la gestione dei rifiuti (in tutta l’area maker mancavano punti di raccolta e per noi che ci abbiamo letteralmente vissuto per tre giorni è stato problematico); speriamo che per la nuova edizione (già in cantiere!) ci sia qualche miglioria anche da questo punto di vista…

Riguardando l’articolo dell’anno scorso, si nota qualche profonda novità: l’interesse cresce, tante nuove realtà imprenditoriali, ma anche amatoriali, spuntano ovunque in tutta Italia, anche le visite istituzionali (ministri, sindaci, governatori, assessori, ecc… si son fatti vedere più o meno tutti i livelli) fanno sperare; le potenzialità di questo movimento iniziano ad essere riconosciute e le 90.000 visite non fanno altro che confermarlo.

Vi lascio con qualche foto e il video del delirio dell’ultimo giorno: una gallery completa la trovate sulla pagina del MUG Roma Tre.

Ovviamente intagliato col CNC!
Legno intagliato col CNC!
MUG alla Maker Faire Rome 2014.
Foto di gruppo alla fine della Maker Faire.
Stampanti 3D, stampanti 3D ovunque...
Stampanti 3D, stampanti 3D ovunque…
La stampa 3D può creare anche roba del genere...
La stampa 3D può creare anche roba del genere…
Strani incontri alla Maker Faire...
Strani incontri alla Maker Faire…
Bublasaur stampato 3D!
Bulbasaur stampato 3D!
... ovunque!
Robot ovunque!

Plotter particolari...

Band robotica al completo

La stampante del MUG in azione...
La stampante del MUG in azione…
Vecchie perle dell'Olivetti alla Make in Italy.
Vecchie perle dell’Olivetti alla Make in Italy.
The following two tabs change content below.
Un giovane universitario che col passare degli anni rimane universitario e diventa meno giovane.